Tecnologie d’Impresa ha a cuore l’ambiente ed esegue analisi dei rifiuti, delle emissioni in atmosfera e molto altro

Tecnologie d’Impresa mette a disposizione un team di esperti specializzati in sicurezza sul lavoro, salute dei lavoratori, protezione dell’ambiente, assistenza energetica e sistemi di gestione per offrire un valido supporto per la medicina del lavoro, la Valutazione dei Rischi, l’igiene industriale, HACCP, e molto altro.Tecnologie d’Impresa vanta un organico composto da più di 270 dipendenti e molti anni di esperienza nei settori della sicurezza sul lavoro, medicina del lavoro, protezione dell’ambiente, assistenza energetica e sistemi di gestione.Tecnologie d’Impresa offre ad imprese, enti pubblici e privati cittadini un’ampia gamma di servizi, dalla nomina del medico competente per la medicina del lavoro all’ottenimento del certificato per la prevenzione incendi, dalle analisi dei rifiuti al monitoraggio delle emissioni in atmosfera.Tecnologie d’Impresa e la verifica della messa a terra Il DPR 462, entrato in vigore nel gennaio 2002, contiene il regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, dei dispositivi di messa a terra, degli impianti elettrici e degli impianti elettrici pericolosi. Il Datore di Lavoro è tenuto a richiedere la verifica periodica degli impianti elettrici di messa a terra e dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche ogni 2 anni od ogni 5 anni, a seconda della specifica realtà.La verifica biennale è necessaria per gli impianti elettrici e gli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche in luoghi con pericolo di esplosione, come i cantieri, gli ambienti a maggior rischio di incendio e i locali adibiti ad uso medico. La verifica quinquennale si rende necessaria per tutti gli altri casi.Criticità e opportunità della verifica di messa a terraLa mancata effettuazione delle verifiche di legge è una inosservanza che viene contestata al Datore di Lavoro in fase vigilanza, egli deve infatti essere in possesso del verbale di verifica rilasciato da un Organismo di Ispezione abilitato in modo da esibirlo in caso di controlli da parte degliEnti preposti. Le sanzioni previste in caso di mancata ottemperanza agli obblighi di legge possono prevedere l’arresto sino a quattro mesi, un’ammenda da € 1000,00 a € 4.800,00 e, essendo di carattere penale, la pena si applica a tutte le persone responsabili dell’azienda.Tecnologie d’Impresa è stata tra le prime aziende ad essere abilitata come Organismo d’Ispezione di tipo A e può quindi effettuare le verifiche sugli impianti e rilasciare un verbale valido tramite personale altamente qualificato.
www.corpg.it/aziende/parametrica-associazione-professionale/’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × quattro =