Minibot Cosa Sono e Come Potrebbero Divenire Appetibili

Minibot, una parola sconosciuta fino a pochi giorni fa che adesso è sulla bocca di molti politici che approvano o disapprovano l′introduzione di questa che dovrebbe essere una forma di pagamento alternativo per pagare i debiti accumulati dallo stato verso le aziende private.Al di là della posizione compatta della camera che ha approvato in modo unanime la proposta, anche se un partito dell′ opposizione ha poi rinnegato il proprio voto favorevole, i minibot hanno suscitato varie critiche.Tralasciando la scontata opposizione dell′europa alla quale non va mai bene niente se non quelle leggi che continuano a mettere in crisi i cittadini e le imprese italiane, facendo allo stesso tempo finta di nulla su questioni come quelle della banca di francia che controlla il 14% della valuta africana.A sollevare dubbi, da tenere in dovuta considerazione in quanto almeno alcuni di loro sarebbero tra i beneficiari dei minibot, sono alcuni imprenditori italiani.Alcuni dubbi degli imprenditori italiani nascono dal fatto che questi minibot non possano essere spendibili liberamente come fosse una normale valuta ma sarebbero vincolati da alcune limitazione.L′idea originale sui minibot prevede che questi siano di forma cartacea e in tagli equivalenti a 5, 10, 20, 50 e 100 euro, con i quali si potrebbero pagare beni e servizi legati allo stato come le tasse, la benzina e le aziende partecipate.Per quanto riguarda l′emissione l′obiettivo sarebbe quello di mettere in circolazione un valore di circa 70/100 miliardi di euro.Il valore minimo e massimo dei minibot che la proposta di legge vorrebbe emettere è curiosamente equidistante al valore delle riserve auree italiane che secondo l′ultimo bilancio della Banca d′Italia ha un valore pari a circa 85 miliardi di euro.A questo punto vista la curiosa vicinanza del valore delle riserve auree italiane con quello che la manovra dei minibot potrebbe introdurre nell′economia italiana perché non dare anche una forma di garanzia collegata a niente di meno che alle riserve di oro italiane.Sarebbe curioso vedere le facce dei burocrati europei, già sconvolti dall’ipotesi “minibot”, di fronte ad una proposta che oltre all′immissione di liquidità nell′economia italiana attivasse anche una qualche forma di garanzia su queste emissioni.Una garanzia che li renderebbe molto appetibili e sicuramente non meno sicuri degli euro stessi.Probabilmente a Bruxelles ci sarebbe una improvvisa impennata di richieste al pronto soccorso per le cadute dalle comode poltrone del parlamento europeo, a parte gli scherzi se davvero i minibot potessero essere oltre che utilizzati per pagare i debiti dello stato anche in qualche modo sostenuti con forme di garanzia collegabili alle riserve auree anche se non riscattabili nell’immediato, acquisterebbero un improvviso interesse per molti a partire dagli investitori.Quello di utilizzare l’oro come garanzia non è una idea nuova le stesse valute mondiali come il dollaro sono state per anni garantite con le riserve auree degli stati, anche alcune criptovalute di ultima generazione hanno utilizzato l’oro per dare stabilità e credibilità a chi avesse deciso di acquistarle o accettarli in pagamento.
www.davidbarzazi.it/’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro + 20 =