Per rating si intende la valutazione del rischio, assegnata ad un’impresa dalla banca, prima di concedere un credito. (Es. assegnazione rating) L’accordo di Basilea 2 fissa le linee guida a cui le banche devono attenersi per il calcolo del rating, identificando tre diverse metodologie: Standardized Approach – metodologia base, L’approccio…

Per aspetti andamentali si intendono i rapporti che il cliente ha avuto in precedenza con le banche. In questo caso, la valutazione si baserà su due fonti di informazione:dati desumibili dalla Centrale dei Rischi rapporti precedenti con le banche di riferimento I dati della Centrale dei Rischi contribuiranno a formulare…

Spesso però la sola lettura del bilancio può essere penalizzante per un’impresa, per questo per definire il rating di una azienda, le banche utilizzano anche:L’analisi qualitativa che consiste nel valutare la capacità dell’azienda di adottare scelte strategiche coerenti con l’evoluzione dell’ambiente esterno e del settore di riferimento, si compie un’…

La valutazione delle aziende da parte delle banche terrà conto di tre categorie di informazioni: quantitative qualitative andamentali Le informazioni quantitative sono informazioni di carattere economico-finanziario reperibili nei bilanci e negli altri documenti contabili delle imprese. Le informazioni reperibili nel bilancio avranno un peso determinante nella valutazione dell’impresa.