Alessandro Benetton, quarto fondo

In arrivo il nuovo fondo di private equity per la 21 Investimenti di Alessandro Benetton

È in vista un nuovo, quarto fondo di private equity in casa di Alessandro Benetton. Lo spiega lo stesso manager e imprenditore nella sua qualità di presidente della 21 Investimenti Sgr, che ha chiuso il 2012 con un utile di 872 mila euro, rispetto ai 758 mila euro dell'esercizio precedente, destinando a dividendo 6,54 mila euro. La Sgr gestisce oggi tre fondi: Giada Equity Fund, Idea Industria e 21 Investimenti II, che hanno riconosciuto nel 2012 commissioni nette per 6,1 milioni rispetto ai 6 milioni dell'esercizio precedente.

Tra le partecipazioni industriale dei fondi di Alessandro Benetton si segnalano Pittarello (calzature), le sale cinematografiche The Space Cinema (in jointventure con Mediaset), ivri (vigilanza), Stalam (impianti industriali), Macplast (packaging), Rgi (IT) e Sirti (tlc). Sia Giada (che con una dotazione di 75 milioni aveva un valore a fine 2012 di 16,5 milioni), sia Idea (fondo con mezzi per 100 milioni destinato al sostegno delle imprese più meritevoli di Unicredit) non hanno però effettuato investimenti nello scorso anno e peraltro hanno segnato una brusca contrazione del valore delle loro quote diminuite rispettivamente anno su anno del 18,3% e del 9,2%. Il terzo fondo 21 Investimenti II, con dotazione di 283 milioni, ha rilevato nel 2012 il 49,9% di Assicom (società attiva nel mercato della fornitura di informazioni commerciali e di servizi di recupero credito B2B); mentre tre mesi fa è entrato in Farnese Vini, richiamando così circa il 68% dell'ammontare complessivo. Anche il valore della quota del terzo fondo è pero diminuito dal 2011 al 2012 del 12,5%. "Le performance dei fondi gestiti devono essere interpretate considerando anche il contesto complessivo in cui la società opera con fondi focalizzati su buy-out e growth capital nel mid market", spiega Alessandro Benetton nella relazione sulla gestione. La Sgr ha sensibilmente diminuito i costi del personale (-262 mila euro) e del cda (-192mila euro) per il venir meno delle componenti variabili della retribuzione e dei compensi. E pur se lo smobilizzo degli investimenti attualmente in portafoglio ai fondi si è fatto più difficile, Alessandro Benetton ha annunciato il lancio nella seconda metà dell'anno di un quarto prodotto riservato a investitori qualificati, con caratteristiche simili a 21 Investimenti II.

FONTE: Il Mondo

Cookies Policy