Notizie sui Mutui

Rialzo rate dei mutui a tasso variabile

L'Adusbef e Federconsumatori, hanno lanciato l'allarme per  un pesante rincaro delle rate dei mutui stipulati a tasso variabile, dato il rialzo dell’ euribor .

Leggi tutto: Rialzo rate dei mutui a tasso variabile

 

Moratoria dei mutui prorogata fino a luglio 2011

L'Abi e 12 associazioni dei consumatori hanno raggiunto l'accordo per prorogare per altri  sei mesi la moratoria sui mutui delle famiglie, quini si potrà richiedere la sospensione delle rate del mutuo in caso di difficoltà nei pagamenti fino al 31 luglio 2011.

Leggi tutto: Moratoria dei mutui prorogata fino a luglio 2011

 

Mutui alle famiglie

18 Novembre 2009

Il bollettino di novembre dell'Abi ha annunciato che in Italia a settembre contrariamente a ciò che è accaduto negli altri Paesi dell'Eurozona i mutui concessi alle famiglie per comprare la propria casa sono in aumento con un tasso di crescita tendenziale del 3,6%, mentre sono in una situazione di stallo quelli concessi alle imprese un calo del 0,2% sullo stesso periodo 2008.

 Ha spiegato l'ufficio studi dell'Abi che non si tratta per quanto riguarda il calo nei finanziamenti alle imprese di una restrizione del credito, , ma di una "mancanza di nuovi investimenti da parte delle imprese che determina una carenza di domanda di credito''.

Leggi tutto: Mutui alle famiglie

 

Prestito per i nuovi nati

05/11/09

Firmato l'accordo tra¬† Giovanardi (il sottosegretario con delega alle politiche per la famiglia) e Faissola (il Presidente dell‚ÄôABI) per il Fondo nuovi nati, con esso sar√† possibile ottenere un prestito fino a 5.000‚ā¨ da restituire in 5 anni, a tassi particolarmente agevolati per¬† famiglie con figli nati o adottati nell‚Äôanno in corso. Infatti il fondo per le politiche della famiglia garantir√† il finanziamento fino ad un massimo del 75% dell‚Äôeventuale insolvenza, tramite un apposito stanziamento di 25 milioni di euro.

 

 

Moratoria per le famiglie

L'Abi ha oggi comunicato, tramite il comitato esecutivo dell'Abi che ha approvato il "Piano famiglie",  che a partire dal prossimo gennaio renderà possibile  una moratoria a salvaguardia dei mutui delle famiglie in difficolta'. La possibilita' di sospendere il rimborso delle operazioni di mutui per 12 mesi .

La moratoria dei mutui, quindi,¬†non √® pi√Ļ solo¬† accessibile per le imprese,¬† ma ad essa¬†potranno aderire anche il lavoratore dipendente a tempo indeterminato che ha perso il posto di lavoro; il lavoratore dipendente a tempo determinato, il parasubordinato o assimilato il cui contratto √® terminato; il lavoratore autonomo che ha cessato l'attivit√†; il nucleo familiare in cui √® deceduto uno dei componenti percettore del reddito di sostegno della famiglia e i lavoratori in cassa integrazione ordinaria o straordinaria.

Dopo i 12 mesi di moratoria i titolari dei mutui ricominceranno a pagare le rate ma l'importo sarà ricalcolato con modalità non ancora stabilite. Il dubbio è se la dilazione degli importi non pagati del 2010 sarà spalmata sui successivi 5 anni  oppure su 10 anni. Nel secondo caso l'agevolazione per le famiglie è maggiore. Questi e altri dettagli della moratoria saranno definiti entro fine novembre.

Intanto a settembre i tassi di interesse applicati dalle banche sui mutui hanno toccato un nuovo minimo storico scendendo al 3,23% dal 3,24% di agosto

 

Euribor 3 mesi a 0,74%

Andamento misto per l' Euribor nella seduta odierna si è avuto un ulteriore calo del tasso euribor a tre mesi arrivando al 0,74 %.

 Il tasso a un mese è salito dello 0,23% e si è portato allo 0,431%.

 In ribasso, invece, l'Euribor a tre mesi, che ha ceduto lo 0,54% ed è sceso allo 0,74%.

Invariato il tasso a sei mesi, mentre quello a un anno si sono attestati rispettivamente all'1,23% .

 

Tassi in Italia

Secondo uno studio condotto dall'Ufficio Studi della Cgia di Mestre sul rapporto tra banche ed imprese nel periodo che va da gennaio a luglio 2009, i tassi di interesse per un finanziamento a breve concesso alle aziende in Italia √® pi√Ļ alto rispetto a quello applicato in Europa, mentre per finanziamenti a lungo termine la classifica si capovolge nettamente.

Leggi tutto: Tassi in Italia

 

Moratoria dei debiti per PMI

Lo scorso 3 agosto √® stato firmato a Milano da ABI e dalle associazioni imprenditoriali dell‚ÄôOsservatorio banche-imprese, l‚ÄôAvviso comune sulla cosiddetta ‚Äúmoratoria dei debiti delle Pmi‚ÄĚ al quale hanno sinora aderito la maggior parte degli istituti di credito italiani. La moratoria sui mutui contratti con il sistema bancario permette alle imprese di :

Leggi tutto: Moratoria dei debiti per PMI

 

Richiesta sospensione mutuo

Sulla base dell' accordo quadro siglato nel Marzo 2009 tra l'Associazione Bancaria Italiana e il Ministero per l'Economia e le Finanze, possibile inoltrare domanda di concessione del beneficio di sospensione del pagamento delle rate di mutuo immobiliare comprensive di capitale e interessi stipulato per l'acquisto e/o per la ristrutturazione dell'abitazione principale del nucleo familiare previsto dall‚Äôart. 6, comma 6 ‚ÄúMisure per il sostegno al reddito dei soggetti interessati da crisi aziendali o occupazionali‚ÄĚ, e questo modello di esempio di lettera offerta da moduli.it per la sospensione delle rate del mutuo potrebbe esservi utile.

 

Cresce la domanda dei mutui

Cresce domanda mutuiL' euribor a tre mesi è ai suoi minimi storici, il tasso sui prestiti interbancari con scadenza a tre mesi, utilizzato  come riferimento per i mutui a tasso variabile, è sceso dello 0,01% attestandosi allo 0,969%.

Su scadenze pi√Ļ brevi i tassi di mercato sono a livelli ancora pi√Ļ contenuti, il tasso Euribor a 1 mese risulta dello 0,597% (-0,01%).

 

 Per quanto riguarda la domanda dei mutui richiesti dalle famiglie italiane, cresce per il quinto mese consecutivo.

 Da quanto emerge dall' indagine di Eurisc, il sistema di informazioni creditizie di Crif, a giugno 2009 si è registrato un incremento dell'8% su base annua a parità di giorni lavorativi, rispetto allo stesso mese del 2008.

Le banche richiedono maggiori garanzie per ogni 100 euro di finanziamenti erogati le banche richiedono 29,6 euro di garanzie reali. Lasituazione peggiora se a erogare il credito sono le società finanziarie: per ogni 100 euro di finanziamenti erogati, le garanzie reali richieste alla clientela sono state pari a 46,8euro. Sono dati Bankitalia al 31 marzo 2009 elaborati dalla Cgiadi Mestre.

Rispetto al 31 dicembre 2008 le cose sono peggiorate: l’aumento delle garanzie reali richiesto dalle banche è stato di 1,6 punti, mentre per quanto riguarda le società finanziarie, a cui fanno capo circa il 12% del totale dei prestiti erogati in Italia, l’incremento è stato di 7,5 %.

 
Cookies Policy