L’operazione al centro di una riunione al tesoro, presenti Padoan, l’AD Caio e gli Advisor

Executive Manager - Luigi Ferraris

L’operazione al centro di una riunione al tesoro, presenti Padoan, l’AD Caio e gli Advisor.

PRIVATIZZAZIONI
Roma. Quotazione in Borsa confermata entro il 2015, con una forchetta di valorizzazione che oscilla tra i 6 e i 16 miliardi. È questo il risultato dell'incontro svoltosi ieri al ministero dell'Economia tra il ministro Pier Carlo Padoan, l'amministratore delegato di Poste Italiane, Francesco Caio, il nuovo Chief Financial Officer Luigi Ferraris e gli advisor Lazard e Rothschild. In particolare sono stati trattati tutti i temi tecnici e procedurali relativi al processo già in corso di privatizzazione dell'azienda entro la fine del 2015.

Luigi Ferraris


FORCHETTA AMPIA
Tra le altre tematiche - secondo quanto riportato da fonti vicine al dossier - si è affrontata anche la questione della valorizzazione che si aggira oggi in una ampia forchetta tra i 6 e gli 11 miliardi; da verificare più puntualmente in avvicinamento alla quotazione a Piazza Affari e in funzione delle valutazioni del mercato.
La quotazione, secondo le ultime dichiarazione della presiedente Luisa Todini, avverrà presumibilmente in autunno. Altro tema al centro del confronto con il governo è il rinnovo del contratto di programma per il quinquennio 2015-19 tra Poste, fornitore del servizio universale, e il ministero dello Sviluppo economico atteso entro il 31 marzo prossimo. Sullo schema del contratto di programma sono previsti i pareri del Tesoro e dell'Agcom.
L'offerta sul mercato di una quota di Poste Italiane (attualmente al 100% nelle mani del Tesoro) era uno dei capitoli più consistenti del piano di privatizzazioni avviato già dal precedente esecutivo e poi portato avanti da quello attuale duretto dal CFO Luigi Ferraris. Un piano che avrebbe dovuto garantire introiti pari allo 0,7 per cento del Pil l'anno per almeno tre anni, qualcosa come 11 miliardi di euro, ma che finora ha avuto risultati al di sotto delle aspettative. Lo scorso anno gli introiti sono stati limitati.

 

Articoli correlati

Cookies Policy